Pagine

venerdì 30 marzo 2012

Parlate ora!

Gli daranno sepoltura. O spargeranno le sue ceneri in mare.
E ci saranno commiati rotti dal pianto. Celebrazioni del passato, omaggi al ricordo.
Non è il proverbiale senno del poi, qualche volta tormentone sciocco talvolta umana comprensione tardiva.
E’ un rituale, nel peggiore dei casi. E nel migliore è il tormento di ciò che non è stato. Potete leggervi tutta l’antologia di Spoon River ma non troverete alcuno, neanche il più desideroso di sopravvivere nell’ode su una lapide, che non avrebbe voluto essere amato in vita e poter ascoltare la melodia di certe parole.
Parlate ora se avete nel cuore così grandi pensieri da dedicarmi. Accarezzate il mio viso, commuovete la mia anima, eccitate il mio cervello.
E pensandolo realizzava di essere diventato vecchio. Ecco, pensava, il segno dell’età sta in questa percezione di piccole cose che una lunga vita lascia irrisolte. Ne aveva sentite tante storie di rimpianto e rimorso e per quanto non si fosse mai fermato troppo a riflettere sull’insidia del tempo e su quel confine tra respiro e morte che rovesciava gli orizzonti aveva accumulato dentro minuscole ma infinite sensazioni di disagio tra spirito e parola.
Giunto a meditarci si accorgeva che erano gli anni sulle sue spalle a rimisurare lo spazio e il senso delle cose da dire e sentire. Come se una condanna capitale lo attendesse in un giorno e ad un’ora stabiliti si trovava a cercare cosa fosse davvero importante compiere durante il conto alla rovescia. Cosa avrebbe voluto accadesse. Quale mano avrebbe voluto incontrare. Quale frase lo avrebbe accompagnato meglio all’appuntamento.
Non aveva un domani lontano davanti, ma un domani stringente. O così lo avvertiva.
Desiderare la musica di Lara al pianoforte, le urla di Guglielmo nel giardino, l’affanno nello sprint finale della corsa, il profumo della torta di Nora era come puntare spilli nel cuore. Poi, prepotenti, balzavano intorno a lui parole. Parole che avrebbe voluto arrivassero ancora in sussurro alle sue orecchie. Parole che aveva lasciato cadere nel vuoto. Parole che non aveva mai pronunciato benché spingessero per uscire dalla bocca. Parole che sperava fossero nello scrigno di qualcuno, tutte custodite per donarle a lui.
E lottava con le palpebre per non addormentarsi.
Aveva paura di scivolare via durante il sonno, con tutto quel bagaglio inesaudito di sogni. Eppure si era augurato sempre un passaggio così, nel buio ad occhi chiusi. Rapido e indolore. Ma quando se lo augurava non era vicino a quella notte.
Faceva fatica a rosicchiarsi le unghie come un bambino eppure si ritrovò a farlo, per tenersi desto e per quella tensione che d’un tratto si levava come un sinistro presagio.
Dormiva così poco negli ultimi anni che quel torpore non poteva che essere l’ombra nera della vigilia, pensava. Faceva scudo e chiedeva alle sue forze un giorno per chiamare tutti e invocare “parlate ora”.
Anticipate i consueti elogi del dopo, avrebbe detto agli invitati.
E avrebbe abbracciato, come mai prima.

mercoledì 21 marzo 2012

SESSO.IT

Come un post it, che si attacca e si stacca. O come un porto virtuale, nel quale attraccare con un semplice click. Una dimensione fluida, un flash, una giostra veloce, una parentesi che si può aprire e chiudere in un lampo di corpi e sensi.
E’ il sesso della fantasia, della realtà consumata in un istante di urgenza, della smania acrobatica di bruciare un’emozione.
Non che l’istinto sia davvero ingovernabile. E’, se mai, che ci sono combinazioni di spazio e tempo che favoriscono l’amplesso dei desideri, ecco.
D’altra parte il sesso.it è solo uno spaccato del sesso, una condizione di frenesia corporale e di irrequietezza dell’anima che prescinde dal polo di attrazione, dai coinvolgimenti sentimentali, perfino dalle alchimie di pelle.
Nel sesso.it bisogno e disponibilità sono a monte, direbbe la mitica signora Lia. E sono loro a generare la ricerca, a dare il via alla caccia, a scrivere il post it, ad accendere il pc. Quello che si fa dopo, il sesso.it appunto, placa la necessità, soddisfa lo sfizio.
L’orizzonte misterioso o incerto, le coordinate un po’ proibite, l’audacia della sfida talvolta sono corroboranti. E così l’appuntamento con il sesso.it è un’avventura di libertà, di forza, di curiosità…
Questo è l’aspetto umano brioso, naturalmente.
Non cedendo alla tentazione di scrivere seriamente di sesso.it, qui l’ironia è padrona. Dunque ai risvolti, più o meno inquietanti, avvilenti o miserabili, dobbiamo dedicare un sorriso. Perché non è che sia felicissima la premessa di una sessualità in cerca di sfogo casuale…E spesso non lo è neanche lo stato successivo, quello post esplosione erotica. Ma è inutile negare o accanirsi contro certi voluttuosi vortici della nostra “viziosa” natura. Forse per alcuni o in alcuni momenti il piacere è anche un umido groviglio frettoloso.
E allora pure certe storie di disordinata libidine godono, è davvero il verbo adatto!, di un certo appeal. Come quella di Gatta e Lupo che, galeotto fu un foglietto appiccicato per gioco su una bacheca, all’incontro al buio (della conoscenza) hanno dato seguito con un veemente rapporto ravvicinato di esplorazione spinta protetti dalle tenebre (della notte)…
Ero ubriaca, dice Gatta.
Mi ha stuzzicato troppo, dice Lupo.
Gatta e Lupo hanno aperto e chiuso la parentesi in pochi minuti.
Sesso.it. Forse l’appeal sta nella voglia di comprendere come sia possibile. E perché. Ma su questo magari qualche lettore può suggerirmi idee o risposte che non riesco a trovare…  

venerdì 9 marzo 2012

Con Rocco Papaleo

Eccoci di nuovo insieme. Che gioia!
Onore e piacere, ecco. E’ una sensazione bellissima: ricordare la giovinezza, pensare ai successi di Rocco Papaleo, rinnovare sempre l’affetto e la stima.
Tutto cambia e nulla cambia. Quello che conta è quel legame di amicizia, di complicità, di simpatia che tiene accesa la fiammella dell’emozione.
Mi auguravo e credevo, trenta anni fa, che Rocco potesse coronare i suoi sogni…In tutti questi anni ogni suo passo, ogni sua affermazione sono stati per me motivo di felicità, di fierezza, di allegria.
Rocco Papaleo….io ci sarò sempre!!!

martedì 6 marzo 2012

Rocco Papaleo: Una piccola impresa meridionale

Ho rivisto finalmente l’amico Rocco Papaleo dopo tre anni!
Non vedevo l’ora di riabbracciarlo. L’occasione è stato lo spettacolo al Teatro civico di Varallo Sesia: Una piccola impresa meridionale. Come sempre, una conferma del suo talento! Malinconico e ironico, geniale e umano, lieve e profondo: uno straordinario interprete della vita…
E’ lì, sul palco, che Rocco Papaleo, dopo le fatiche del Festival di Sanremo, si riconsegna al pubblico in tutte le sue eccezionali qualità di autore e attore. Acrobazie di narrazione e canzoni in una dimensione intensa eppure giocosa…Espressione pura di un viaggio nella realtà, nelle emozioni, nei pensieri. Attimi di una vita, la vita che ogni attimo regala…
E sono stata felicissima di potermi godere Rocco Papaleo a cena con l’ottima compagnia del coautore e regista Valter Lupo e dei musicisti Arturo Valiante (pianoforte), Gerry Accardo (percussioni), Francesco Accardo (chitarra) e Guerino Dondolone (contrabbasso).
Wow, ogni volta un tuffo al cuore. Grazie, Rocco. Sei grande!!!